$NOV

NOV Inc

  • NEW YORK STOCK EXCHANGE INC.
  • Industrial Services
  • Oilfield Services/Equipment
  • Manufacturing
  • Oil and Gas Field Machinery and Equipment Manufacturing

PRICE

$16.98 β–²0.236%

Extented Hours

VOLUME

793,235

DAY RANGE

16.92 - 17.23

52 WEEK

13.93 - 23.03

Join Discuss about NOV with like-minded investors

profile
@Jonove #droscrew
3 minutes ago

FED might not do any cuts or have any action until NOV due to elections

4 Replies 1 πŸ‘ 3 πŸ”₯

profile
@Arunas #PRO Traders
recently

Jeff Bezos has sold about 12 million shares of Amazon stock Amazon.com founder Jeff Bezos has sold about 12 million shares of the company for about $2 billion. Last week, Amazon said Bezos would sell up to 50 million shares of the company. The sales plan, which is subject to certain conditions, was adopted on Nov. 8, 2023, and will be completed by Jan. 31, 2025, according to the company's most recent annual report. Bezos, who stepped down as CEO of the company and took over as executive chairman in 2021, is currently the second richest person in the world with a fortune of $200 billion, according to the Bloomberg Billionaires Index.

58 Replies 10 πŸ‘ 12 πŸ”₯

profile
@dros #droscrew
recently

thanks for pulling these up > @Housty said: Nov 22 1999

130 Replies 9 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Housty #droscrew
recently

Nov 22 1999

58 Replies 13 πŸ‘ 11 πŸ”₯

profile
@dros #droscrew
recently

$JBLU Feb02 6 C $IOVA Mar 7.5 P $MPW Mar01 3 P $BHC Feb02 8.5 C $PYPL Feb 75 C $PZZA Mar 67.5 P $BABA Mar08 64 P $IQ Jan-26 1.5 P $ET Feb 14.5 C $SOFI Feb23 8 C $CMC Nov 60 C $HUN Mar 22 P

122 Replies 9 πŸ‘ 13 πŸ”₯

profile
@dros #droscrew
recently

$JBLU Feb02 6 C $IOVA Mar 7.5 P $MPW Mar01 3 P $BHC Feb02 8.5 C $PYPL Feb 75 C $PZZA Mar 67.5 P $BABA Mar08 64 P $IQ Jan-26 1.5 P $ET Feb 14.5 C $SOFI Feb23 8 C $CMC Nov 60 C $HUN Mar 22 P

137 Replies 7 πŸ‘ 8 πŸ”₯

profile
@dros #droscrew
recently

$PLTR Jan 20 C $C Sep 60 C $META Jan12 352.5 C $CVE Feb 17 C $KWEB Mar 29/33 C Spd $JBLU Jan 7 C $NIO Jna 9 C $EDR Feb 24 C $CCJ Feb 49 C $C Jan 57 C $EW Feb 90 C $RIVN Jan 18.5 P $JBLU Jun 3.5 P $JETS Mar 18 P $AGL Apr 7.5 P $MSOS Nov 5 P

67 Replies 8 πŸ‘ 8 πŸ”₯

profile
@dros #droscrew
recently

$PLTR Jan 20 C $C Sep 60 C $META Jan12 352.5 C $CVE Feb 17 C $KWEB Mar 29/33 C Spd $JBLU Jan 7 C $NIO Jna 9 C $EDR Feb 24 C $CCJ Feb 49 C $C Jan 57 C $EW Feb 90 C $RIVN Jan 18.5 P $JBLU Jun 3.5 P $JETS Mar 18 P $AGL Apr 7.5 P $MSOS Nov 5 P

126 Replies 15 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Steve1971 #decarolis
recently

24 Nov 23 Barclays Overweight β–² 375.0000

103 Replies 14 πŸ‘ 7 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

Investing.com -- Oil prices climbed higher Thursday as a group of top producers met to discuss potential further output reductions to support the market. By 09:25 ET (14.25 GMT), U.S. crude futures traded 1.2% higher at $78.77 a barrel and the Brent contract climbed 1.1% to $83.78 a barrel. OPEC+ meeting looms large The Organization of the Petroleum Exporting Countries and allies, including Russia, a group known as OPEC+, is meeting Thursday, amid expectations of additional output cuts, with both crude benchmarks set to lose between 3% and 5% in November. The meeting was originally scheduled for the weekend, but was delayed reportedly after a number of African countries complained about their lower 2024 production targets. Saudi Arabia, Russia and other members of OPEC+ have already pledged total oil output cuts of about 5 million barrels per day, about 5% of daily global demand, in a series of steps that started in late 2022. This includes Saudi Arabia's additional voluntary production cut of 1 million barrels a day, which is due to expire at the end of December, and a Russian export cut of 300,000 barrels a day until the end of the year. β€œThere are growing expectations that they could make deeper supply cuts, which would be in addition to the rollover of the voluntary cuts from Saudi Arabia and Russia,” said analysts at ING, in a note. β€œClearly, this growing expectation leaves downside risk for the market if OPEC+ disappoint later today.” Bearish U.S. inventories overlooked This has helped the market overlook a relatively bearish report from the Energy Information Administration, which saw U.S. crude inventories rise by an unexpected 1.6 million barrels in the week to Nov. 24, when the market had expected a small draw. Additionally, purchasing managers index figures from China showed that manufacturing activity contracted further in November, while growth in overall business activity slumped to its weakest levels for the year. Signs of a continued economic decline in the country spurred concerns over just how resilient Chinese oil demand will remain in the coming months. The country built up a large level of stockpiles this year, which could reduce its appetite for crude imports going into 2024. Inflation on the retreat Also helping the tone was further evidence that inflation was in retreat in most of the major western economies, adding to the narrative that central banks were likely at the end of their rate-hiking cycles. The Federal Reserve's preferred inflation measure rose at a slower rate on an annual basis in October compared to the prior month, rising 3.0% annually compared with 3.4% in September, thanks in large part to a drop in energy prices. In Europe, eurozone inflation tumbled more than expected for a third straight month in November, rising 2.4% in November from 2.9% in October, well below expectations for 2.7%. (Ambar Warrick contributed to this report)

123 Replies 9 πŸ‘ 7 πŸ”₯

profile
@filippomantegna #decarolis
recently

09:00 EUR IAPC spagnolo (Annuale) (Nov) 3,2% 3,7% 3,5%

125 Replies 11 πŸ‘ 12 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 28 nov - I mercati azionari europei viaggiano con il freno a mano tirato di fronte all'incertezza economica globale e all'incognita tassi di interesse. Seduta opaca per Piazza Affari che sul finale si assesta poco sopra la parita' (+0,12%). Intanto si rafforza l'euro, che nel corso della giornata ha toccato quota 1,1 dollari, ai massimi da agosto. Torna a salire lo spread Btp-Bund (175 punti base). L'attenzione degli investitori resta focalizzata sulle prossime mosse delle banche centrali, nella convinzione che i tassi di interesse abbiano raggiunto il picco, ma anche nell'incertezza sull'avvio dei tagli. Gli indicatori macroeconomici saranno la bussola che guidera' la politica monetaria, a partire dal dato sull'inflazione in Usa e Ue (attesi giovedi'), osservato speciale da Bce e Fed. Intanto oggi la fiducia dei consumatori americani, che ha frenato meno del previsto, non e' bastata a risollevare Wall Street, che resta poco mossa dopo quattro settimane di rialzo. A Piazza Affari, scatta sul finale Inwit (+3,52%) seguita da Iveco (+2,56%). Seduta positiva per Erg (+1,55%) e A2a (+1%) e anche per Mps. Tonfo di Diasorin che cede -2,79% dopo il taglio da parte di Equita delle stime per il 2024 e il 2025. In fondo al listino anche Campari e Moncler in scia all'andamento negativo di tutto il comparto del lusso in Europa. Sul valutario, il cambio tra euro e dollaro sale a 1,0988 (1,09415 in avvio e 1,0929 alla chiusura di ieri). In salita, rispetto alla vigilia, il petrolio, mentre si guarda alla riunione Opec+, rinviata al 30 novembre, con il Brent gennaio a circa 82 dollari al barile e il Wti di pari scadenza a 76,83 dollari (+2,66%%). In calo il gas naturale sulla piattaforma di Amsterdam a 43,25 euro al megawattora (-1,7%)."_

50 Replies 14 πŸ‘ 6 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 27 nov - Le Borse europee inaugurano l'ultima settimana di novembre senza entusiasmo, con il Ftse Mib di Milano che termina in flessione dello 0,31% a 29.342 punti. Archiviata un'ottava positiva, quando gli indici continentali hanno aggiornato i massimi da due mesi, i mercati navigano a vista guardando al fitto calendario di dati macro nei prossimi giorni, in particolare all'inflazione dell'Eurozona e all'inflazione Pce americana in arrivo giovedi', mentre la presidente della Bce Christine Lagarde, nel suo intervento al Parlamento europeo, ha ribadito la linea prudente dell'istituto vista la 'notevole incertezza' che caratterizza le prospettive a medio termine sulla pressione inflazionistica. Intanto, prosegue debole Wall Street, con gli occhi rivolti alle aste sui Treasury a due, cinque e sette anni, per un ammontare complessivo di 148 miliardi di dollari, con la domanda che potrebbe condizionare il mercato. Tra i comparti a livello continentale, spiccano utility (con il sottoindice Stoxx 600 di settore a +0,7%), telecomunicazioni (+0,25%) e media (+0,3%); deboli viaggi (-0,8%), chimica (-0,65%) e farmaceutici (-0,6%). Sull'azionario milanese, seduta positiva per le utility, che beneficiano anche del movimento rialzista di settore a livello continentale. In cima al listino svetta Tim (+2,6%), mentre in coda finiscono Leonardo (-3,5%) e Prysmian (-1,9%). In rosso anche Unicredit (-1,29%) dopo che il Financial Stability board, l'ente internazionale che monitora il sistema finanziario in cui sono rappresentati tutti i paesi del G20, ha tolto l'istituto dalla lista delle banche di importanza sistemica globale. Sul valutario, il cambio tra euro e dollaro si mantiene sopra quota 1,09, attestandosi a 1,0929 (1,0934 al closing di venerdi'). Frena il petrolio, mentre si guarda alla riunione OPEC+, rinviata al 30 novembre, con il Brent gennaio a 80,1 dollari al barile (-0,6%) e il Wti di pari scadenza a 75,18 dollari (-0,48%). In calo il gas naturale sulla piattaforma di Amsterdam a 43,9 euro al megawattora (-5,8%)."_

95 Replies 9 πŸ‘ 14 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 27 nov - Apertura piatta a Wall Street, dopo quattro settimane consecutive in rialzo. Gli indici si avviano a chiudere positivamente il mese di novembre, segnato dall'ottimismo sulla possibile fine del ciclo restrittivo della Federal Reserve e dal calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro. Oggi, gli analisti seguiranno l'andamento delle spese per il Cyber Monday, che chiude il lungo fine settimana del Ringraziamento e delle offerte del Black Friday. Nonostante gli sconti iniziati giorni, se non settimane, prima, il solo Black Friday ha registrato un aumento delle spese del 7,5% rispetto a un anno prima, secondo i dati di Adobe Analytics. Online, e' stata spesa la cifra record di 9,8 miliardi di dollari. Passando ai dati, sono attesi quelli sulle vendite di case nuove a ottobre, con gli economisti che si aspettano un calo, dopo l'inatteso aumento di settembre. I tassi d'interesse piu' alti sui mutui e l'aumento delle case a disposizione sul mercato hanno probabilmente pesato sulle vendite di case nuove, secondo Bloomberg Economics. Piu' tardi, atteso anche il dato di novembre sull'attivita' manifatturiera della Fed di Dallas. Oggi, l'amministrazione Biden annuncera' nuove misure per rafforzare le catene di approvvigionamento, a partire da quelle del settore farmaceutico. A livello internazionale, preoccupa la debolezza del mercato cinese mostrata dagli ultimi dati. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones guadagna 2,79 punti (+0,01%), lo S&P cede 3,24 punti (-0,07%), il Nasdaq e' in calo di 3,04 punti (-0,02%). Il petrolio Wti al Nymex perde lo 0,46% a 75,19 dollari al barile."_

146 Replies 10 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 27 nov - Slitta al prossimo 11 dicembre la sentenza di appello per gli ex vertici di Mps, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, nel processo di secondo grado sulle presunte irregolarita' nella passata gestione della banca senese (in relazione alla contabilizzazione dei derivati Santorini e Alexandria). L'udienza, si apprende, e' stata rinviata perche' uno dei giudici e' influenzato."_

80 Replies 13 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 27 nov - Avvio di settimana fiacco per le Borse europee, in attesa di una densa serie di dati economici e di eventuali spunti sui tassi d'interesse. A Milano il Ftse Mib e' in lieve calo dello 0,26%, quando Parigi e Francoforte viaggiano poco sopra la parita'. Deboli anche i listini asiatici su cui ha pesato il rallentamento della crescita dei profitti industriali cinesi. Questo ha indebolito l'ottimismo dopo il rally azionario della scorsa settimana, scarsa di spunti da parte di Wall Street, tra la chiusura per il Thanksgiving e la seduta ridotta di venerdi' scorso. Tra i dati macro attesi, giovedi' e' la giornata clou con l'inflazione della zona euro e l'inflazione Pce americana. Attesi anche i Pmi cinesi, i dati sui consumi personali statunitensi e i Pmi Usa. Per le banche centrali questo rappresentano la bussola per definire le prossime mosse sui tassi. Oggi la presidente della Bce, Christine Lagarde, interverra' al Parlamento europeo, ma secondo gli osservatori non dovrebbero arrivare particolari segnali sul futuro corso della politica monetaria. Lagarde potrebbe ribadire la modalita' attendista di Francofrote con una approccio 'dipendente dai dati'. Venerdi' poi sara' la volta dell'intervento del numero uno della Fed, Jerome Powell. Guardando a Piazza Affari, sono ancora in luce le banche: Mps (+2,11%) resta sopra quota 3 euro e si avvicina sempre di piu' al prezzo pre-collocamento della quota del Tesoro (3,072 euro). In rialzo anche Banco Bpm (0,63%) e Bper (+0,4%), mentre Tim guadagna posizione (+0,73%). Avvio positivo anche per Erg (+0,7%), Diasorin (+0,57%) e St (+0,54%). In fondo al listino, Stellantis (-0,86%), Cnh Industrial (-0,7%) e anche i petroliferi (-0,7% Saipem, -0,5% Tenaris e -0,54% Eni). Questa e' la settimana della riunione OPEC+, rinviata al 30 novembre a causa dei contrasti interni tra i produttori circa l'entita' dei tagli alla produzione nel 2024. Il prezzo del petrolio e' in ribasso con il Brent gennaio che viaggia a 79,9 dollari al barile (-0,87%) e il Wti gennaio a 74,83 dollari al barile (-0,98%). Sul valutario l'euro si difende a quota 1,0947 dollari (1,0934 al closing di venerdi'), quando e' in lieve calo sullo yen, a quota 163,183. Anche il cambio dollaro yen e' in lieve calo a quota 149. Il Gas naturale e' ancora in calo, a 44,94 euro al megawattora sulla piattaforma di Amsterdam."_

52 Replies 8 πŸ‘ 6 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 24 nov - Finale di settimana poco movimentato per le Borse europee che chiudono comunque in rialzo e aggiornano i massimi da due mesi in una sessione segnata dalla performance negativa dei mercati cinesi, dal deludente andamento del manifatturiero Usa e da Wall Street a mezzo servizio all'indomani del Giorno del Ringraziamento (alle 19 la chiusura). Se in Europa sono i settori dell'auto, dell'energia e i retailer a sostenere i listini, con il lusso invece in discesa, Piazza Affari ha trovato il supporto di banche e risparmio gestito per chiudere da prima della classe: il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,67%. Di mezzo punto percentuale il rialzo di Amsterdam, piu' timide le altre. Si conferma comunque il novembre brillante dei listini europei: da inizio mese sia lo Stoxx600 sia Milano hanno recuperato il 6%. Rimbalzo per Cnh Industrial (+1,9%) che ha toccato i minimi da circa tre anni nelle ultime giornate complici le stime arrivate dalla concorrente americana Deere. Vivace Monte dei Paschi (+1,9%) che a tratti ha anche riagganciato quota 3 euro recuperando quasi totalmente il gap dovuto al collocamento del 25% del capitale da parte del Tesoro. Bene Intesa Sanpaolo (+1,5%). Vivace Tim (+1,5%) con l'attenzione degli operatori sul possibile consolidamento nel mercato italiano delle telco attraverso una combinazione di Vodafone con Fastweb o Iliad. Negativa Moncler (-1%) con tutto il comparto della moda. Sul mercato valutario, il cambio tra euro e dollaro ha allungato sopra quota 1,09 arrivando a 1,0934. Petrolio in rialzo di mezzo punto percentuale con il Brent gennaio a 82 dollari al barile e il Wti gennaio a 76,8 dollari al barile: rinviata al 30 novembre la riunione dei Paesi Opec+. Gas naturale in calo a 46,4 euro al megawattora."_

112 Replies 12 πŸ‘ 10 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

By Paul Carsten and Natalie Grover LONDON (Reuters) -Brent crude futures hovered above $81 a barrel on Friday as traders kept their powder dry ahead of next week's OPEC+ meeting, which could bring some kind of agreement on output cuts in 2024. Brent crude futures were up 42 cents at $81.84 a barrel by 1459 GMT, having settled 0.7% down in the previous session. U.S. West Texas Intermediate crude were down 33 cents from Wednesday's close, dropping to $76.77. There was no settlement for WTI on Thursday owing to a U.S. public holiday. Both contracts were on track for their first weekly gain in five weeks as OPEC+ prepares for a meeting that will have output cuts high on the agenda after recent oil price declines on demand concerns and burgeoning supply, particularly from non-OPEC producers. The OPEC+ group comprising the Organization of the Petroleum Exporting Countries (OPEC) and allies including Russia surprised the market with an announcement on Wednesday by announcing that its Nov. 26 meeting would be postponed to Nov. 30 after producers struggled to reach a consensus on production levels. OPEC+ has moved closer to a compromise with African oil producers on 2024 output levels, three OPEC+ sources have told Reuters. "The most likely outcome now appears to be an extension of existing cuts," said IG analyst Tony Sycamore. The surprise delay had initially brought Brent futures down as much as 4% and WTI by as much as 5% in intraday trading on Wednesday. Trading remained subdued during Thursday's Thanksgiving holiday in the United States. A bright spot came in the form of the near-term economic outlook in China. Recent Chinese data and fresh aid to the indebted property sector can be "positive for the oil market's near-term trend", said CMC Markets (LON:CMCX) analyst Tina Teng. Yet those gains could be capped by higher U.S. crude stockpiles and poor refining margins, leading to weaker demand from U.S. refineries, analysts said. "Fundamentals developments have been bearish with rising U.S. oil inventories," ANZ analysts said in a note. Still, China's longer-term outlook remains lukewarm. Analysts say oil demand growth could weaken to about 4% in the first half of 2024 as the property sector crunch weighs on diesel use. Non-OPEC production growth is set to remain strong, with Brazilian state energy company Petrobras planning to invest $102 billion over the next five years to boost output to 3.2 million barrels of oil equivalent per day (boepd) by 2028, up from 2.8 million boepd in 2024.

81 Replies 15 πŸ‘ 7 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 24 nov - Apertura poco mossa a Wall Street, dove e' in programma una seduta ridotta (la chiusura sara' alle 19 italiane). Con alle spalle la festivita' del Ringraziamento, oggi i trader saranno impegnati a valutare l'andamento delle vendite del Black Friday, una delle giornate di shopping piu' attese dell'anno. Gli indici si avviano a completare la quarta settimana consecutiva in rialzo, con il Dow e lo S&P 500 che guadagnano lo 0,9% e il Nasdaq l'1%. Il Black Friday sara' un test sulle spese dei consumatori, che sono alla ricerca dei prezzi migliori mentre affrontano le pressioni economiche date dagli alti tassi d'interesse e dall'aumento generalizzato del costo della vita. Secondo i primi segnali, l'andamento potrebbe essere positivo: un rapporto di Deloitte ha mostrato che i consumatori intendono spendere una media record di 567 dollari durante il Black Friday e il Cyber Monday (in programma lunedi' prossimo), pari a un aumento delle spese del 13% rispetto a un anno fa. La National Retail Federation stima che 182 milioni di persone faranno acquisti tra il Ringraziamento e il Cyber Monday, il numero maggiore dal 2017. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones sale di 75,44 punti (+0,21%), lo S&P 500 perde 0,94 punti (-0,02%), il Nasdaq cede 35,99 punti (-0,25%). Il petrolio Wti al Nymex perde l'1,06% a 76,28 dollari al barile."_

68 Replies 9 πŸ‘ 14 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 24 nov - Le Borse europee migliorano al giro di boa di meta' seduta. Il Ftse-Mib e' in rialzo dello 0,25% mentre ritrovano il segno positivo il Cac 40 di Parigi (+0,2%) e il Dax di Francoforte (+0,13%). In rialzo anche Madrid (+0,3%) e Amsterdam (+0,2%) quando Londra viaggia poco sotto la parita' (-0,17%). I listini continentali monitorano ogni possibile indicazione sulle prossime mosse delle banche centrali, dopo che la Bce ieri ha smorzato l'entusiasmo di chi guardava gia' alla fine della stretta e a un taglio dei tassi. Oggi la numero uno dell'Eurotower, Christine Lagarde, mantiene un tono cauto ribadendo che la battaglia contro l'inflazione non e' finita, ma assicura anche che 'la vinceremo'. Intanto, si conferma la contrazione della crescita in Germania che vede il Pil in calo dello 0,1% nel terzo trimestre rispetto al trimestre precedete. Nel paese migliora pero' il clima di fiducia sull'economia: a novembre l'indice Ifo e' salito a 87,3 punti rispetto agli 86,9 del mese precedente. A Piazza Affari sale ancora Mps (+2,63%), che e' la migliore del listino a meta' mattina, seguita da Intesa Sanpaolo (+1,41%) e A2a (+1,04%). Continua, fuori dal paniere principale, il rally di Mfe (+1,9% i titoli di classe A e +2% i titoli B) che ha incassato il giudizio positivo degli analisti, con un miglioramento dei target, in scia ai dati 'confortanti' sulla raccolta pubblicitaria. Resta in fondo al Ftse-Mib Moncler (-1,38%), insieme a Inwit (-1,3%) e Disasorin (-0,5%). Nel comparto bancario, sono in ribasso Unicredit (-0,54%) e Mediobanca (-0,32%). Sul valutario l'euro si difende sopra la quota di 1,09 dollari dopo che i vertici della Bce hanno sottolineato, alla vigilia, la necessita' di lasciare la porta aperta a nuovi rialzi dei tassi se i dati lo renderanno necessario: il cambio e' in lieve rialzo a 1,0914 (1,0906 in avvio e 1,0900 ieri in chiusura). La moneta unica vale anche 163,224 yen (163,02 in apertura da 163,17 ieri), mentre il rapporto dollaro/yen e' a 149,55 (149,52 da 149,13). In cauto rialzo il prezzo del petrolio, reduce da due sedute di cali dopo il rinvio della riunione dell'Opec+ al 30 novembre, che potrebbe segnalare che il cartello dei produttori non intende accentuare i tagli all'output nel 2024. Il future gennaio sul Wti segna +0,47% a 76,76 dollari al barile, mentre l'analoga consegna sul Brent sale dello 0,34% a 81,72 dollari. In discesa a 46,48 euro al megawattora il prezzo del gas naturale ad Amsterdam."_

116 Replies 12 πŸ‘ 8 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 24 nov - Avvio di seduta ingessato per le Borse europee, che attendono la riapertura di Wall Street dopo la festivita' del giorno del Ringraziamento. I listini continentali restano vicini alla parita' e mantengono sotto stretta osservazione ogni possibile indicazione sulle prossime mosse delle banche centrali. Restano sotto pressione i titoli di Stato dopo la decisione della Germania di sospendere per il quarto anno consecutivo i limiti sul debito pubblico. A Piazza Affari il Ftse Mib e' invariato, mentre nel resto d'Europa Parigi cede lo 0,09%, Francoforte lo 0,06% e Amsterdam lo 0,01%. Tra i principali titoli milanesi, gli acquisti sostengono Saipem (+0,66%), Ferrari (+0,39%) e Leonardo (+0,38%), mentre sono in calo Inwit (-0,46%), Mediobanca (-0,69%) e Moncler (-1,04%). Al di fuori del paniere principale, sale ancora Mfe (+1,74% i titoli A e +3,91% i B) dopo i conti trimestrali e le indicazioni sull'andamento della pubblicita' nel quarto trimestre. Sul valutario, l'euro difende quota 1,09 dollari dopo che i vertici della Bce hanno sottolineato la necessita' di lasciare la porta aperta a nuovi rialzi dei tassi se i dati lo renderanno necessario: il cambio e' a 1,0906 dollari (1,0900 ieri in chiusura). La moneta unica vale anche 163,02 yen (163,17 ieri), mentre il rapporto dollaro/yen e' a 149,52 (149,13). Poco mosso il prezzo del petrolio, reduce da due sedute di cali dopo il rinvio della riunione dell'Opec+ al 30 novembre, che potrebbe segnalare che il cartello dei produttori non intende accentuare i tagli all'output nel 2024. Il future gennaio sul Wti segna +0,18% a 76,54 dollari al barile, mentre l'analoga consegna sul Brent sale dello 0,07% a 81,48 dollari. In discesa dell'1,7% a 46 euro al megawattora il prezzo del gas naturale ad Amsterdam."_

85 Replies 15 πŸ‘ 6 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 nov - Le Borse europee chiudono in cauto rialzo una seduta orfana di Wall Street che ha festeggiato il giorno del Ringraziamento, mentre e' rimasta chiusa per festivita' anche Tokyo. Piazza Affari chiude in rialzo dello 0,28%, con limitati guadagni anche sulle altre piazze, in una giornata di scambi modesti sui listini, dopo i dati macroecomici dell'eurozona e i verbali della Bce. Questi ultimi hanno confermato le recenti dichiarazioni della presidente Christine Lagarde, smorzando gli entusiasmi sulla fine della stretta monetaria. Secondo le minute della riunione di ottobre, i banchieri dell'Eurotower sono favorevoli a 'mantenere la porta aperta a ulteriori rialzi dei tassi, se necessario'. Anche se questo 'non rientra nell'attuale scenario di base'. Il perno delle banche centrali e' dunque destinato a guidare ancora il sentiment del mercato, che continua ad attendere la fine della stretta. Sul fronte macro, in Europa gli indici dei direttori degli acquisti evidenziano un'attenuazione della recessione europea a novembre: il Pmi dei servizi dell'area euro e' salito a 48,2 punti da 47,8 punti mentre il Pmi manifatturiero a 43,8 punti dai 43,1. In Germania i numeri mostrano ancora una contrazione dell'economia (con gli indici al di sotto di quota 50) seppure a ritmo piu' lento. Guardando ai titoli del Ftse Mib, brillano Mps (+1,56%), Snam (+1,47%) ed Italgas(+1,45%), quando Eni trova il rimbalzo (+1,44%). In luce anche il resto del comparto bancario, mentre, guadagnano terreno anche Iveco (+1,2%) e Stellantis (+0,58%) e Leonardo (+0,83%). Scivolano in fondo al listino, Prysmian (-1,53%) e Banca Generali (-1%). Sul valutario, l'euro resta stabile a 1,09 dollari (1,091 dollari in avvio da 1,086 al closing precedente) e vale 163,17 yen (162,77 in avvio da 161,68). Frena ancora il prezzo del petrolio, dopo il rinvio della riunione dell'Opec+ al 30 novembre, ma il calo e' piu' contenuto rispetto alla vigilia. Il future gennaio sul Wti e' in flessione dell'1,56% a circa 76 dollari al barile e l'analoga consegna sul Brent a 80 dollari (-1,44%)."_

98 Replies 12 πŸ‘ 10 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

By Natalie Grover (Reuters) -Oil prices dipped about 2% on Thursday, extending losses after the postponement of an OPEC+ meeting stoked expectations that the group might not deepen output cuts next year. Brent crude futures were down $1.40, or about 1.7%, at $80.56 a barrel by 1434 GMT after falling as much as 4% on Wednesday. U.S. West Texas Intermediate crude slid $1.37, also about 1.4%, to $75.73 after dropping as much as 5% in the previous session. In a surprise move on Wednesday, the Organization of the Petroleum Exporting Countries and allies including Russia delayed to Nov. 30 a ministerial meeting at which they were expected to discuss oil output cuts. Producers were struggling to agree on output levels ahead of the meeting originally set for Nov. 26, OPEC+ sources said, suggesting that the disagreement was largely linked to a trio of African nations. Angola, Congo and Nigeria are seeking to raise their 2024 supply quotas above the provisional levels agreed at the June meeting of the OPEC+ producer group. "We think Nigeria can be assuaged as the leadership values its longstanding OPEC membership and improving ties with Saudi Arabia," said RBC Capital Markets analyst Helima Croft. "However, it may be more difficult to bridge the gap with Angola, which has been a moodier member of the producer group since it joined in 2007." Although internal upheavals have been quelled effectively in the past, this latest episode lays bare the enormity of the task that OPEC+ must accomplish, said Tamas Varga of oil broker PVM. "What is certain is continuous volatility with a plausible price swing to the extent of $10+ after next Thursday’s meeting and possibly even before," he said. The questions over OPEC+ supply come as data showed that U.S. crude stocks jumped by 8.7 million barrels last week, much more than the 1.16 million build analysts had expected. [EIA/S] On the demand side, there was more bleak news. Though a survey showed the downturn in euro zone business activity eased in November, data suggested the bloc's economy will contract again this quarter as consumers continue to rein in spending. U.S. trade is expected to be muted on Thursday because of the Thanksgiving public holiday.

80 Replies 13 πŸ‘ 7 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 nov - Non scaldano i listini i dati macro diffusi in mattinata che vedono l'attenuarsi della recessione nell'Eurozona a novembre: l'indice Pmi dei servizi e' salito a 48,2 punti da 47,8 punti mentre il Pmi manifatturiero a 43,8 punti dai 43,1. Anche in Germania i numeri mostrano ancora una contrazione dell'economia (con gli indici al di sotto di quota 50) seppure a ritmo piu' lento. Intanto, la banca centrale svedese ha mantenuto il tasso di riferimento al 4%, dopo oltre un anno di rialzi e nonostante l'inflazione sia ancora elevata, mentre la banca turca ha portato i tassi dal 35% al 40%, contro le aspettative di un rialzo piu' contenuto al 37,5%. Cosi' le Borse europee si muovono in ordine sparso, con il Ftse Mib di Milano in calo dello -0,18% e il Ftse 100 di Londra dello 0,23%; positive Parigi (+0,21%) e Francoforte (+0,14%); sulla parita' Madrid e Amsterdam. A Piazza Affari rimbalzano i titoli petroliferi dopo la performance negativa della vigilia sul tonfo del prezzo del greggio. In cima al listino Eni (+1,2%), Snam (+0,78%) e Tenaris (+0,49%). Acquisti anche su Leonardo (+0,73%) dopo la conferma del condirettore generale Lorenzo Mariani della ricerca di alleanze nel settore degli armamenti terrestri. Bene anche Iveco (+0,87%), Stellantis (+0,3%) dopo il riacquisto di 50 milioni di azioni dalla cinese Dongfeng per 934 milioni di euro, e Moncler (+0,54%) dopo l'accordo di licenza esclusiva con EssilorLuxottica. Dopo un avvio debole, passa in positivo Banca Mps a +0,38%, mossa dalle speculazioni sull'epilogo della privatizzazione dell'istituto senese dopo la cessione del 25% del capitale del Mef. In coda Prysmian (-2,08%) e Diasorin (-1,26%). Fuori dal listino principale balzano le azioni Mfe (+8,04% quelle di classe A, +5,85% le B) dopo i conti dei nove mesi che vedono profittabilita' superiore alle previsioni e un miglioramento delle prospettive sulla raccolta pubblicitaria. Sul valutario, l'euro recupera a 1,091 dollari (da 1,086 al closing precedente) e vale 162,88 yen (da 161,68). Ancora in calo il prezzo del petrolio, dopo il rinvio della riunione dell'Opec+ al 30 novembre (inizialmente prevista per domenica 26). Il future gennaio sul Wti e' in flessione dell'1% a 76,26 dollari al barile e l'analoga consegna sul Brent a 81,06 dollari (-1,1%). In rialzo il gas naturale ad Amsterdam a 45,48 euro al megawattora (+1,9%)."_

135 Replies 13 πŸ‘ 11 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 nov - Aprono all'insegna della cautela le Borse europee, di riflesso alla prudenza delle banche centrali europea e americana che in settimana hanno dato segnali meno rassicuranti del previsto su un prossimo allentamento della stretta. Chiudono in rialzo le Borse cinesi, spinte da ulteriori misure di stimolo per il settore immobiliare, con l'indice composito di Shanghai in progresso dello 0,6%, mentre l'indice di Shenzhen e' salito dello 0,8%. Mentre Tokyo e Wall Street restano chiuse per festivita', il Vecchio Continente guarda ai dati macro in arrivo, tra cui gli indici Pmi manifatturiero e servizi (domani in arrivo quelli giapponesi e statunitensi). In giornata si pronunceranno anche le banche centrali svedese e turca, che ci si attende optino per un rialzo dei tassi rispettivamente di 25 pb e 250pb, e quella sudafricana, che dovrebbe invece lasciarli invariati. Cosi' e' in tiepido rialzo il Ftse Mib di Milano a +0,2%, come Londra (+0,14%); piu' indietro Parigi (+0,08%), Francoforte (+0,06%), Amsterdam (-0,06%) e Madrid (-0,1%). Tra i titoli a Piazza Affari, scatta in cima al listino Leonardo (+1,5%%), quando sono in luce i titoli dei petroliferi Saipem (+1,05%) e Tenaris (+0,95%). In progresso Stellantis (+0,7%) dopo l'intesa con la cinese Dongfeng Motor per riacquistare 50 milioni di azioni ordinarie (1,58% del capitale Stellantis prima della cancellazione delle azioni riacquistate), per un importo complessivo di circa 934 milioni di euro. Positiva anche Moncler (+0,46%) all'indomani dell'accordo di licenza esclusiva con EssilorLuxottica sulla produzione e distribuzione degli occhiali. Resta osservata speciale Banca Mps (+0,43%), dopo la brillante performance della vigilia e l'alta volatilita' del titolo a seguito della cessione da parte del Mef del 25% del capitale. In coda Diasorin (-1%) e St (-0,4%). Fuori dal listino principale, brillano i titoli di Mfe con le azioni di tipo A a +3% e quelle di tipo B a +3,7% dopo la diffusione dei conti dei primi nove mesi dell'anno, in attesa della call con gli analisti. Sul valutario, l'euro recupera a 1,091 dollari (da 1,086 al closing precedente) e vale 162,77 yen (da 161,68). Frena ancora il prezzo del petrolio, dopo il rinvio della riunione dell'Opec+ al 30 novembre (inizialmente prevista per domenica 26 novembre). Il future gennaio sul Wti e' in flessione dell'1% a 76,27 dollari al barile e l'analoga consegna sul Brent a 81 dollari (-1,17%). In rialzo il gas naturale ad Amsterdam a 45,58 euro al megawattora (+2%)."_

102 Replies 10 πŸ‘ 11 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

(Reuters) -Oil prices fell by more than 1% on Thursday, extending losses from the previous session, after OPEC+ postponed a ministerial meeting, leading to speculation that producers might cut output less than earlier anticipated. Brent futures were down $1.02, or 1.2%, at $80.94 a barrel by 0625 GMT, after falling as much as 4% on Wednesday. U.S. West Texas Intermediate crude dipped 87 cents, or 1.1%, to $76.23, after declining as much as 5% in the previous session. Trade was expected to remain muted due to the Thanksgiving holiday in the United States. In a surprise move, the Organization of the Petroleum Exporting Countries and allies including Russia delayed to Nov. 30 a ministerial meeting where they were expected to discuss oil output cuts. Producers were struggling to agree on output levels and hence possible reductions ahead of the meeting originally set for Nov. 26, OPEC+ sources said. Three OPEC+ sources, however, said this was linked to African countries, which are smaller producers in the group, which somewhat eased investor concerns. Analysts said that Angola, Congo and Nigeria were seeking to raise their 2024 supply quotas above the provisional levels agreed at the OPEC+ June meeting. "At that meeting, OPEC squared the books on increasing UAE’s quota... by reducing the targets for the African nations that were underperforming their required production numbers," said Helima Croft, an analyst at RBC Capital Markets, in a client note. Angola and Congo have been producing below their 2024 production targets, whilst Nigeria has been able to increase output above target due to the improving security situation in the oil-rich Niger Delta. "We think Nigeria can be assuaged as the leadership values its longstanding OPEC membership and improving ties with Saudi Arabia... However, it may be more difficult to bridge the gap with Angola which has been a moodier member of the producer group since it joined in 2007," said RBC's Croft. "Disagreement between members will likely increase volatility within the market over the course of the next week," analysts at ING Bank said in a note. The questions over OPEC+ supply come as data showed U.S. crude stocks jumped by 8.7 million barrels last week, which was much more than the 1.16 million build that analysts had expected. [EIA/S] U.S. oil rigs remained unchanged at 500 in the week to Nov. 22, energy services firm Baker Hughes said in its closely followed report on Wednesday. [RIG/U] Meanwhile, about 3% of crude oil production in the Gulf of Mexico, or around 61,165 barrels of daily output, was shut in by an underwater pipeline leak, the U.S. Coast Guard said on Wednesday.

113 Replies 14 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 nov - Il tonfo del petrolio che e' arrivato a cedere oltre il 4% smorza il rimbalzo che in mattinata aveva caratterizzato le performance delle borse europee. Il nuovo calo del greggio arriva dopo la decisione dell'Opec+ di rinviare al 30 novembre la riunione (inizialmente prevista per il 26 novembre) per decidere sull'accordo per i livelli di produzione, inserendo eventuali modifiche a quanto previsto per il 2024. Il future gennaio sul Wti si attesta a 74,71 dollari al barile (-9,93%) e l'analoga consegna sul Brent a 79,31 dollari (-3,81%). In questo contesto Milano chiude sostanzialmente invariata a +0,01%; Parigi +0,43%, Francoforte +0,36% e Madrid +0,66%. Unica borsa negativa Londra (-0,17%). Oltreoceano Wall Street viaggia in positivo (Dow Jones in questo momento segna +0,49%) ma gli occhi sono puntati su Nvidia, il gigante dei chip che pur avendo chiuso un altro trimestre con vendite record, teme un calo in Cina nel quarto trimestre a causa delle restrizioni imposte dagli Usa sui chip avanzati. Il titolo cede in questo momento oltre il 3%. Tornando a Piazza Affari, dopo un avvio positivo, il comparto bancario riduce i guadagni. Nonostante l'informata di giudizi positivi emessi da Moody's l'unico titolo a brillare e' Mps (+1,98%) seguita da Mediobanca (+0,98%) e Intesa Sanpaolo (0,61%). In luce Moncler (+1,65%) che sale in scia al comparto del lusso europeo; e Campari (+2,54%). Rimbalza Tim (+1,19%) dopo le aperture del socio francese Vivendi alla vendita di NectCo. Accoglienza fredda da parte del mercato per il piano industriale di Enel che chiude a -0,39%. In fondo al listino i petroliferi con Tenaris che chiude a -1,35%, Eni -1,41% e Saipem -0,73%. Sul valutario, l'euro si indebolisce a 1,086375 dollari (da 1,0928 ieri in chiusura) e a 162,631 (161,68). Il gas naturale scambia piatto a 44,3 euro al MWh. Infine si intensificano gli acquisti sull'oro che sale sopra i 2mila dollari l'oncia e tocca i massimi da tre settimane, fino a 2007 dollari l'oncia."_

70 Replies 10 πŸ‘ 12 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 22 nov - Apertura in rialzo a Wall Street, con gli indici spinti dal settore tech - che approva il ritorno di Sam Altman come amministratore delegato di OpenAI - e dal calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro, con quello del decennale ai minimi degli ultimi due mesi. Ieri, seduta in calo, influenzata dalle trimestrali del settore retail e dai verbali della Fed sulla sua ultima riunione, da cui e' emersa la necessita' di mantenere una politica restrittiva per riportare l'inflazione al 2% 'per un po' di tempo'. Nessuna indicazione e' emersa dai verbali su possibili tagli dei tassi d'interesse. I trader non credono piu' che i tassi d'interesse possano essere ancora alzati dall'attuale 5,25%-5,50% e continuano a scommettere in parte (29,4%) su un primo taglio dei tassi gia' a marzo. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones sale di 109,75 punti (+0,31%), lo S&P 500 cresce di 18,06 punti (+0,40%), il Nasdaq guadagna 94,22 punti (+0,66%). Il petrolio Wti al Nymex perde il 4,5% a 74,27 dollari al barile, dopo che l'Opec, l'organizzazione dei Paesi produttori, ha deciso di rimandare la riunione in programma domenica fino al 30 novembre, senza dare spiegazioni; per i trader temono che i produttori possano aumentare la produzione."_

73 Replies 10 πŸ‘ 13 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 nov - L'Opec+ rinvia a sorpresa al 30 novembre prossimo la riunione prevista per domenica 26 novembre, immediata la reazione del greggio che scende del 4%. La riunione allargata dei paesi produttori, che include Arabia Saudita e Russia, deve decidere sull'accordo per i livelli di produzione, inserendo eventuali modifiche a quanto previsto per il 2024. La decisione e' stata comunicata con una nota dell'Opec+ ma gia' in precedenza l'agenzia Bloomberg aveva scritto che un rinvio era possibile a causa dello scontento dell'Arabia Saudita nei confronti degli altri membri rispetto ai loro livelli di produzione. Il Brent consegna gennaio al momento e' in calo del 3,95% a 79,19 dollari al barile mentre il Wti pari scadenza e' in flessione del 4,05% a 74,62 dollari al barile."_

97 Replies 9 πŸ‘ 13 πŸ”₯

profile
@PivotBoss #P I V O T B O S S
recently

**PivotBoss Pre-Market Video [November 22, 2023]: Crude Oil Bears Sell Rip** NOVEMBER 22, 2023 β€” WEDNESDAY AM HOLIDAY NOTE: US Markets are closed Thursday Nov 23, and close at 1pm CT on Friday Nov 24. This is the last pre-market video until Monday, Nov 27. Have a great Thanksgiving Holiday! The ES, NQ, and YM remain within narrow ranges at the top of the recent rally, and continue to show signs of strength. Look for sideways-to-up action over the next several days, as the markets look to reach the next highest resistance levels. Any pullbacks could offer buying opportunities ahead. Crude Oil is down big this morning, as another sell-the-rip opportunity occurred within the bearish PEMA trigger zone. Look for CL to continue to the previous quarter's low price of 69.69 over the next couple of weeks. Gold remains within the 1940 to 2020 range, and may reach the top soon.

101 Replies 11 πŸ‘ 8 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 nov - Le Borse europee si muovono all'unisono e in prudente rialzo, guadagnando verso meta' seduta circa mezzo punto percentuale (sostenute anche dai future positivi a Wall Street): +0,4% per Milano, Parigi, Francoforte e Madrid, con la sola Londra piatta. Al centro degli acquisti a livello continentale i titoli tecnologici, a partire da Sap a Francoforte e Asm ad Amsterdam (entrambi in rialzo di oltre l'1%) in scia alla trimestrale di Nvidia sopra le attese ma timida sulle prospettive di vendita in Cina. Con scambi ridotti in vista della festivita' del Thanksgiving, in calendario per domani, gli investitori sembrano aver digerito senza scossoni i messaggi arrivati dalle ultime minute Fed e dal discorso di Christine Lagarde (Bce) che invitano alla cautela coloro che immaginano che la stretta monetaria sia ormai conclusa. A Piazza Affari in luce il lusso con Moncler (+2,4%) e soprattutto il comparto bancario, tra ipotesi di risiko e le promozioni dei rating da parte di Moody's. +2,3% per Mps, +1% per Mediobanca e Intesa Sanpaolo. Rimbalza Tim (+0,7%) dopo le aperture dei francesi di Vivendi, mentre va giu' Cnh (-1,7%) in scia alle prospettive sotto le attese della statunitense Deere. Recupera Enel (+0,3%), negativa in avvio, dopo la presentazione del piano industriale. Sul fronte valutario, l'euro si indebolisce a 1,0900 dollari (da 1,0928 ieri in chiusura) con il gas naturale piatto a 44,3 euro al MWh e il petrolio Wti di gennaio in calo a 76,8 dollari al barile (-1,2 per cento)."_

94 Replies 6 πŸ‘ 12 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 nov - Avvio positivo per le Borse europee che tentano il rimbalzo e non si fanno intimorire dai messaggi meno rassicuranti del previsto da parte di Fed e Bce. Nelle prime battute, infatti, la migliore e' Parigi (+0,4%) seguita da Francoforte e Milano (entrambe a +0,3%). Piu' indietro Londra (+0,1%). Alla vigilia la presidente dell'Eurotower, Christine Lagarde, ha smorzato le attese di chi immaginava a breve un taglio dei tassi, lasciando la porta aperta a ritocchi nel caso in cui l'inflazione dovesse tornare a surriscaldarsi. E questo in linea a quanto emerso dai verbali dell'ultima riunione Fed, diffusi ieri sera, dove emerge l'intenzione della Banca centrale Usa di 'procedere con cautela' e mantenere a lungo i tassi alti pur di domare i prezzi. Tutto questo, almeno per ora, non ha zavorrato i listini, che guardano anche alle possibili schiarite del conflitto in Medio Oriente. A Piazza Affari recuperano le banche dopo gli scivoloni della vigilia, con Mps (+1,2%), Banco Bpm (+1,2%) e Bper (+1,3%) che registrano l'infornata di giudizi positivi emessi da Moody's, a testimonianza dello stato di salute positivo del settore del credito. Bene anche il lusso con Moncler (+1,3%), mentre il mercato accoglie con freddezza il nuovo piano industriale di Enel (-1%). Sul fronte valutario, l'euro si indebolisce a 1,0916 dollari (da 1,0928 ieri in chiusura) e a 162,61 yen (161,68). Il rapporto tra il biglietto verde e la divisa nipponica e' a 148,96. Il gas naturale scambia piatto a 44,4 euro al MWh. In leggera flessione il petrolio: il future gennaio sul Wti si attesta a 77,9 dollari al barile (+0,1%) e l'analoga consegna sul Brent a 82,5 dollari (+0,1 per cento)."_

65 Replies 13 πŸ‘ 14 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 21 nov - Si esaurisce l'effetto Moody's su Piazza Affari che termina in calo dell'1,31% a 29.153 punti, la peggiore in Europa, con il tonfo di Banca Mps dopo la cessione del 25% del capitale finalizzata dal Mef. A prevalere sui mercati del Vecchio Continente e' la cautela, con gli occhi sempre rivolti alla politica monetaria, visti i recenti toni da 'falco' del numero uno della Fed Powell, mentre la presidente della Bce Christine Lagarde, intervenuta a Berlino, ha annunciato che, dopo la corsa dei tassi, l'istituto apre ora una fase 'attenta e concentrata', con 'attenzione alle diverse forze che condizionano l'inflazione', sottolineando che c'e' 'ancora strada da fare' e pertanto di 'non affrettare conclusioni'. Gli investitori attendono in serata la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della banca centrale americana, per limare le previsioni sulle tempistiche della fine della stretta. Un primo taglio dei tassi d'interesse a maggio viene ora ritenuto probabile al 47%, sulla base dei future sui Fed Funds, mentre c'e' chi scommette gia' su marzo. Tra i comparti a livello continentale, spiccano alimentare (con il sottoindice Stoxx 600 di settore a +0,66%), vendita al dettaglio e costruzioni (+0,6%); fiacche auto (-1,5%) e viaggi (-1%). Sull'azionario milanese, a dominare la scena e' Banca Mps: la quotazione dell'istituto, che in avvio non ha fatto prezzo, si e' poi allineata al prezzo fissato dal ministero (pari a 2,92 euro), per chiudere la seduta in calo del 7,94% a 2,828 euro, fanalino di coda del listino. Mentre si cerca di capire chi siano i nuovi soci, gli investitori aspettano di vedere quando il Tesoro uscira' definitivamente dal capitale (ne detiene ancora il 64,23%) o se al contrario terra' l'attuale quota (pari al 39,23%) per costruire un eventuale terzo polo bancario; intanto, riprendono vigore le ipotesi di risiko bancario, finora tutte smentite. A tallonare il titolo della banca senese ci sono infatti Bper (-3,87%) e Banco Bpm (-4,02%), appesantita anche dal downgrade di Deutsche Bank (a 'hold' da 'buy'): si tratta dei due istituti che in passato sono spesso stati sotto la lente per possibili operazioni di M&A con Rocca Salimbeni. In un Ftse Mib prevalentemente 'in rosso', si salvano Recordati (+0,58%), Nexi (+0,49%) e Terna (+0,24%). Sul valutario, prosegue la debolezza del dollaro, ancora sui minimi da due mesi, sul buon esito dell'asta sul treasury a 20 anni di lunedi', dopo la scarsa domanda su quella precedente del titolo a 30 anni. Cosi' l'euro si attesta a 1,0928 dollari (1,0943 nel closing precedente); al contrario si apprezza lo yen, con il rapporto euro/yen a 161,68 (da 162,306). Frena il prezzo del petrolio, in lieve calo dopo il rimbalzo delle ultime settimane, in attesa della riunione dell'OPEC+ di domenica. Il future gennaio sul Wti si attesta a 77,29 dollari al barile (-0,69%) e l'analoga consegna sul Brent a 81,77 dollari (-0,66%). In flessione il gas naturale ad Amsterdam a 44,06 euro al megawattora (-3,8%)."_

148 Replies 10 πŸ‘ 15 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

Investing.com -- Oil prices retreated Tuesday, handing back some recent gains amid caution ahead of the weekend’s eagerly-awaited meeting of a group of top producers. By 09:45 ET (13.45 GMT), the U.S. crude futures traded 1% lower at $77.04 a barrel, while the Brent contract dropped 1% to $81.54 a barrel. The crude benchmarks gained around 2% on Monday, adding on to Friday’s 4% rise, after Reuters reported that the Organization of the Petroleum Exporting Countries and their allies, a group known as OPEC+, is set to consider whether to make additional oil supply cuts to shore up prices when it meets on Nov. 26. OPEC+ meeting looms large Saudi Arabia, Russia and other members of OPEC+ have already pledged oil output cuts of about 5 million barrels per day, or about 5% of daily global demand, in a series of steps that started in late 2022. This figure includes a voluntary reduction by Saudi Arabia of one million barrels per day and a 300,000 barrels a day cut in Russian oil exports, both of which last until the end of 2023. β€œGrowing expectations that we will see some action taken by OPEC+ at their upcoming meeting this weekend are providing support,” said analysts at ING, in a note. β€œSpeculators will not want to go into this weekend with sizeable short positions. Given expectations, we will likely have to see at least Saudi Arabia rolling over their additional voluntary cut into 2024.” That said, even if OPEC+ extends the cuts into next year, the global oil market will still see a slight surplus of supply in 2024, said Toril Bosoni, the head of the International Energy Agency's oil markets and industry division earlier Tuesday. Fed minutes awaited, dollar battered by rate pause bets Weakness in the US Dollar Index -- which has dropped to a 2-Β½ month low – was also a major support point for oil and other commodities priced in the greenback. A drop in the dollar came as traders priced in bets that the Fed was done raising interest rates, and could potentially begin cutting rates by as soon as March 2024. The minutes of the Fed’s late-October meeting, which are due later on Tuesday, are expected to shed more light on this notion. U.S. inventories also due Despite the recent gains, oil has dropped about 16% since late September, posting four straight weeks of losses, on concerns of worsening demand, and as crude output in the U.S., the world's top producer, held at record highs. Data released last week showed a bigger-than-expected increase in U.S. oil inventories, and the latest U.S. inventory reports are forecast to show crude and stockpiles rose again the following week. This week's first report from the American Petroleum Institute is due later Tuesday, followed by the official numbers from the Energy Information Administration, on Wednesday. (Ambar Warrick contributed to this item.)

103 Replies 9 πŸ‘ 6 πŸ”₯

profile
@PivotBoss #P I V O T B O S S
recently

**PivotBoss Pre-Market Video [November 21, 2023]: Fade After Trend Day** NOVEMBER 21, 2023 β€” TUESDAY AM HOLIDAY: US Markets are closed Thursday Nov 23, and close at 1pm CT on Friday Nov 24. The ES, NQ, and YM have each pulled back modestly from the previous session's highs, and are now approaching yMID from above. Bulls will look to defend yMID for a shot at a check mark move higher. Failure to hold yMID opens up a return to the narrow trading ranges below, but swing bulls will still be looking to defend into weakness for a swing continuation higher, as this upmove remains quite bullish. Crude Oil bears are looking to defend this bounce for another round of selling pressure into 69.69 below. Gold is moving higher toward the 2020 edge.

85 Replies 12 πŸ‘ 11 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 21 nov - E' Piazza Affari la peggiore in Europa a meta' seduta, 'zavorrata' dalle vendite consistenti sui principali titoli bancari. Capofila in negativo e' Mps (-8%) dopo la cessione lampo del Mef del 25% del capitale, con il titolo di Rocca Salimbeni che si muove al di sotto del prezzo di cessione a 2,821 euro. Nel resto del Vecchio Continente si salva solo Francoforte (+0,1%) mentre perdono quota Madrid (-0,1%), Parigi (-0,2%) e Londra (-0,6%) in attesa che alle 17:00 parli Christine Lagarde (Bce) e in serata dei verbali dell'ultima riunione della Fed sui tassi. Sull'altra sponda dell'Atlantico, future deboli a Wall Street dove, nel frattempo, gli occhi sono sulla trimestrale di Nvidia (e lo sviluppo dell'intelligenza artificiale). A Milano sul podio dei peggiori si piazzano, dietro Mps, Banco Bpm (-3,1%) su cui pesa anche il downgrade di Deutsche Bank che predica prudenza sul settore del credito italiano e porta l'istituto di piazza Meda a 'hold' (da 'buy'). In 'rosso' Bper (-3,1%). Si tratta dei due istituti che in passato sono stati piu' volte associati a un possibile M&A con Rocca Salimbeni. Vendite su Saipem (-2,9%) dopo l'annuncio della vigilia di un buyback da 200 milioni su alcuni bond. -2,3% Tim in scia alle altre tlc europee, mentre per gli analisti il debito di Open fiber potrebbe accelerare una possibile integrazione tra le due reti (e far cosi' scattare gli earn-out relativi all'offerta Kkr). Tra le poche a salvarsi Banca Mediolanum (+0,5%), A2a (+0,2%) ed Erg (+0,1%). L'euro e' stabile a 1,0944 dollari, il gas resta in area 45 euro al MWh (-1,7%) e il petrolio Wti interrompe il suo recupero e passa di mano a 77,5 dollari al barile (-0,4 per cento)."_

82 Replies 11 πŸ‘ 7 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 21 nov - Inizio di seduta in salita per i principali listini europei mentre gli investitori fanno i conti con le scelte della Fed, la cui stretta monetaria si avvia alla conclusione grazie al calo dell'inflazione (come testimonia il rally di Wall Street). Nelle prime battute la migliore e' la Borsa di Francoforte (+0,2%) seguita da Madrid (+0,1%). -0,1% invece per Milano, Londra e Parigi. Nel corso della giornata sono attesi anche l'intervento di Christine Lagarde (Bce) e, a mercati chiusi, i verbali dell'ultima riunione politica della Federal Reserve, dai quali gli investitori sperano di tranne indicazioni sul destino dei tassi d'interesse. Nell'attesa, il risiko bancario per ora non 'accende' Piazza Affari dopo il blitz del ministero dell'Economia che ha chiuso con un'operazione lampo la cessione del 25% del capitale per un incasso di 920 milioni. La banca senese, infatti, che in avvio non ha fatto prezzo, ha poi aperto a -5% allineandosi cosi' al prezzo di cessione del pacchetto del Mef (pari a 2,92 euro). Giu' anche Banco Bpm (-1,5%), che alcuni vorrebbero in matrimonio con Rocca Salimbeni, e UniCredit (-1,3%) che le nozze le ha sfiorate in passato. Le migliori sono Iveco (+0,8%) e Nexi (+0,7%). Sul valutario, l'euro allunga a 1,0954 dollari (da 1,0943 ieri in chiusura) mentre flette a 161,48 yen (162,30), con il cambio tra il biglietto verde e la divisa nipponica a 147,41. Sul fronte energetico e' piatto il gas a 46 euro al MWh (+0,4%) e rallenta il petrolio dopo la recente corsa: il Wti di gennaio scambia a 77,5 dollari al barile (-0,5%) e il Brent a 81,9 dollari (-0,4 per cento)."_

73 Replies 12 πŸ‘ 14 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

By Florence Tan SINGAPORE (Reuters) -Oil futures fell on Tuesday, reversing steep gains made in the past two sessions, as investors turned cautious ahead of a meeting of OPEC+ this Sunday when the producer group may discuss deepening supply cuts. Brent crude futures fell 64 cents, or 0.8%, to $81.68 a barrel by 0630 GMT, while U.S. West Texas Intermediate crude futures were at $77.21 a barrel, down 62 cents, or 0.8%. Both contracts climbed about 2% on Monday after three OPEC+ sources told Reuters that OPEC+, made up of the Organization of the Petroleum Exporting Countries (OPEC) and its allies, was set to consider whether to make additional oil supply cuts when it meets on Nov. 26. Those gains were trimmed on Tuesday. "Investors took a wait-and-see attitude to confirm the actual OPEC+ decision," said Tsuyoshi Ueno, senior economist at NLI Research Institute. OPEC+ is likely to extend or even deepen oil supply cuts into next year, eight analysts have predicted. RBC Capital analyst Helima Croft said: "We see some scope for the group to do a deeper reduction, but we would anticipate that Saudi Arabia would seek additional barrels from other members to share the burden of the adjustment." Reopening the quota agreements reached in June could prove challenging and could lead to protracted negotiations,and hence the leadership may look for more voluntary adjustments from individual producers, she added in a note. A Singapore-based trader said OPEC+ action above and beyond a rollover of current cuts has been partially priced into the market. Oil prices have dropped about 16% since late September as crude output in the U.S., the world's top producer, held at record highs, while the market was concerned about demand growth, especially from the world's largest oil importer, China. Traders were also watching for signs of demand destruction from a possible U.S. recession in 2024 and considering last week's warning about possible deflation from Walmart (NYSE:WMT), the largest U.S. retailer. U.S. crude and gasoline stockpiles likely rose last week, while distillates inventories were seen dropping, a preliminary Reuters poll showed on Monday. Weekly stockpile reports from the American Petroleum Institute and the Energy Information Administration are due later on Tuesday and Wednesday, respectively.

75 Replies 10 πŸ‘ 15 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 20 nov - Il verdetto di Moody's sull'Italia prevale a Piazza Affari sull'impatto dello stacco cedole di Banca Mediolanum, Eni, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Poste Italiane, Recordati, Tenaris e Terna, che ha avuto un peso dello 0,84%. Il Ftse Mib ha chiuso a +0,15% che salirebbe vicino a +1% al netto dell'effetto cedole, godendo del giudizio dell'agenzia di rating americana che ha lasciato invariato il voto sul debito del Paese migliorando l'outlook a 'stabile' da 'negativo'. Una decisione che ha dato sollievo allo spread BTp-Bund, in calo a 172,56 punti (dai 176 punti base della chiusura di venerdi') e ha premiato in particolare le banche. Nelle altre piazze europee, la seduta e' stata segnata dal crollo di Bayer a Francoforte e il rialzo maggiore di tutti di Madrid. I listini continentali avviano l'ottava in scia a una settimana positiva con la convinzione che i tassi abbiano raggiunto il picco. Gli investitori ora continuano a scommettere sul momento in cui le banche centrali decideranno di dare il via ai tagli (in aumento le probabilita' sul mese di maggio ma c'e' anche chi scommette su marzo). Domani verranno esaminati attentamente I verbali dell'ultima riunione politica della Fed del primo novembre scorso. A Milano le banche hanno brindato al verdetto di Moody's, con un rialzo a inizio seduta di tutti i titoli del comparto. In chiusura, si distingue soprattutto Bper Banca (+1,64%), mentre Mediobanca cede lo 0,32% dopo il pagamento del dividendo 2023 di 0,85 euro per azione (relativo all'esercizio 2022-23). Il rialzo del greggio premia Saipem (+2,4%) mentre soffre ancora Generali (-1,18%), in scia alla pubblicazione dei conti venerdi' scorso Sul valutario, l'euro allunga a 1,0943 dollari (da 1,0921 in avvio e 1,0879 venerdi' in chiusura). La moneta unica e' indicata anche a 162,306 yen (da 162,59 in avvio e 162,94 al closing precedente). In rialzo il prezzo del petrolio: il Wti per gennaio passa di mano a 78 dollari al barile (+2,70%), mentre l'analoga consegna sul Brent sale del 2,6% a 82,7 dollari (+2,67%). Si riduce il rialzo del gas, a 45,7 euro al megawattora (+1,4%) sulla piattaforma di Amsterdam."_

134 Replies 7 πŸ‘ 10 πŸ”₯

TR
@trademaster #TradeHouses
recently

Investing.com -- U.S. stocks edged higher in subdued trading Monday, at the start of a holiday-shortened week that includes the release of minutes from the Federal Reserve's latest meeting as well as earnings from new tech favorite Nvidia. By 09:30 ET (14:30 GMT), the Dow Jones Industrial Average traded 35 points, or 0.1%, higher, S&P 500 gained 8 points, or 0.2%, and Nasdaq Composite climbed 65 points, or 0.5%. Fed minutes loom large With the focus very much on what the policymakers at the U.S. central bank are going to do next with interest rates, the minutes from its Oct. 31-Nov. 1 meeting on Tuesday, a day earlier than usual, due to this week’s Thanksgiving holiday, will be in the spotlight. Traders have nearly fully priced in the likelihood that the Fed will keep interest rates unchanged in December, with odds increasing that the next move will be a cut, likely by the start of summer next year. Microsoft gains on Altman link The quarterly corporate earnings season has largely run its course, but there is still one more of the Magnificent Seven megacap companies, whose massive share gains this year have led equity indexes higher, left to report. Chip designer Nvidia (NASDAQ:NVDA) is due on Tuesday, and its results will be followed closely given it has become a focal point of this year's surge in enthusiasm over generative artificial intelligence. Elsewhere, Microsoft (NASDAQ:MSFT) stock rose 1.6% after its decision to employ Sam Altman to lead a new advanced artificial intelligence research team, just days after he was forced out as CEO of OpenAI. Reuters reported that OpenAI's staff has threatened to quit the artificial intelligence startup and join former Altman unless the board resigns. Citigroup (NYSE:C) stock rose 0.3% after CEO Jane Fraser announced a series of management changes, according to a memo to staff. Oil rises on hopes of further output cuts Oil prices rose Monday, extending recent gains following reports that a group of major producers may discuss deeper output cuts when they meet later this month. By 09:30 ET, the U.S. crude futures traded 1.9% higher at $77.49 a barrel, while the Brent contract climbed 1.9% to $82.12 a barrel. Crude gained 4% on Friday and has continued to rise Monday after Reuters reported, citing sources, that the Organization of the Petroleum Exporting Countries and their allies, a group known as OPEC+, is set to consider whether to make additional oil supply cuts to shore up prices when it meets on Nov. 26. OPEC+ has already pledged total oil output cuts of 5.16 million barrels per day, or about 5% of daily global demand, in a series of steps that started in late 2022. Additionally, gold futures fell 0.7% to $1,970.90/oz, while EUR/USD traded 0.3% higher at 1.0936. (Oliver Gray contributed to this item.)

86 Replies 7 πŸ‘ 9 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 20 nov - Apertura piatta a Wall Street, all'inizio di una settimana corta caratterizzata dal giorno del Ringraziamento, che terra' i mercati chiusi giovedi' e li fara' restare aperti, venerdi', solo fino alle 13 (le 19 in Italia). Gli indici sono reduci da tre settimane positive di fila, caratterizzate da una lunga serie di dati economici da cui e' emerso in particolare il rallentamento dell'inflazione. Per questo, un altro aumento dei tassi d'interesse e' praticamente 'off the table', dato che gli analisti credono che ci sia lo 0% di possibilita' a dicembre e il 2,1% di possibilita' a gennaio che i tassi siano alzati. Sono poi al 29,4% le possibilita' che la Federal Reserve possa iniziare a tagliare i tassi d'interesse gia' a marzo, esattamente due anni dopo l'inizio del ciclo di rialzi, secondo il FedWatch Tool di Cme Group. Nel complesso, i trader credono che la Fed possa tagliare i tassi fino a sette volte nel 2024. Domani, intanto, sono attesi i verbali dell'ultima riunione della Fed, quando i banchieri confermarono i tassi al 5,25%-5,5%. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones guadagna 23,56 punti (+0,07%), lo S&P 500 sale di 1,89 punti (+0,04%), il Nasdaq e' in rialzo di 36,59 punti (+0,26%). Nell'ultima settimana, lo S&P 500 ha guadagnato il 2,2%, il Dow Jones l'1,9%, il Nasdaq ha aggiunto il 2,4%, la migliore performance settimanale da giugno. Il petrolio Wti al Nymex guadagna l'1,79% a 77,25 dollari al barile, dopo quattro cali settimanali consecutivi."_

79 Replies 15 πŸ‘ 15 πŸ”₯

profile
@PivotBoss #P I V O T B O S S
recently

**PivotBoss Pre-Market Video [November 20, 2023]: 4-Day Narrow Ranges** NOVEMBER 20, 2023 β€” MONDAY AM HOLIDAY: US Markets are closed Thursday Nov 23, and close at 1pm CT on Friday Nov 24. The ES, NQ, and YM are currently trading within super narrow pre-market ranges, which have developed within 4-day narrow ranges ahead of this week's holiday-shortened trading. We could see lower volume and volatility this week, with a modest upward bias. Any pullback could offer a modest buying opportunity for a bounce into the end of the week. Crude Oil is seeing countertrend bounce, and could still see further weakness into 69.69 below.

139 Replies 14 πŸ‘ 13 πŸ”₯

profile
@Renato_Decarolis #decarolis
recently

_"(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 20 nov - Borse europee in ordine sparso a meta' giornata, mentre gli investitori valutano una nuova ondata di conti trimestrali e scommettono sulla fine del ciclo restrittivo di politica monetaria. Il mercato, in base ai future sui Fed Funds, da' per probabile al 27% un taglio dei tassi Fed gia' a marzo, opzione che diventa maggioritaria in maggio, quando e' indicata al 47% contro il 39,6% di chance che restino ai livelli attuali. Tornando alle Borse continentali, sotto i riflettori in particolare Piazza Affari dopo il giudizio di Moody's, che ha migliorato l'outlook sul rating sovrano italiano: il Ftse Mib cede lo 0,11% ma sarebbe in rialzo di oltre lo 0,7% al netto dell'impatto dello stacco cedole di otto big, che pesa per lo 0,84%. Tra gli altri indici, Parigi sale dello 0,16% e Amsterdam dello 0,08%, mentre Francoforte (-0,25%) risente del tonfo di Bayer (-19%) dopo lo stop a sorpresa di uno studio su un nuovo farmaco anti coagulante e la condanna a pagare un risarcimento per 1,5 miliardi di dollari deciso da una corte Usa. Sotto la parita' anche Londra (-0,18%). Sul Ftse Mib milanese il giudizio di Moody's premia le banche: Bper sale dell'1,81%, Intesa Sanpaolo dell'1,65% (al netto del dividendo) e Mps dell'1,48%, quest'ultima sostenuta anche dal miglioramento del target price da parte di BofA. Il rincaro del greggio spinge i titoli oil: Saipem guadagna il 2,47%) ed Eni l'1,65%. Bene anche Cnh Industrial (+1,88%), mentre perde l'1,26% Generali a valle della presentazione dei risultati dei nove mesi. Sul valutario, il dollaro scivola ai minimi da agosto contro un paniere di altre valute. Un euro vale 1,0926 dollari da 1,0879 venerdi' in chiusura. La moneta unica e' indicata anche a 162,11 yen (da 162,94), mentre la divisa nipponica si rafforza anche nei confronti del biglietto verde a 148,37 per un dollaro da 149,77. In rialzo come detto il prezzo del petrolio: il Wti per gennaio passa di mano a 77,30 dollari al barile (+1,66%), mentre l'analoga consegna sul Brent sale dell'1,56% a 81,87 dollari. In progresso del 2,5% a 46,2 euro al megawattora il gas naturale ad Amsterdam."_

57 Replies 9 πŸ‘ 7 πŸ”₯

Key Metrics

Market Cap

6.66 B

Beta

1.02

Avg. Volume

6.17 M

Shares Outstanding

393.90 M

Yield

1.18%

Public Float

0

Next Earnings Date

2024-04-24

Next Dividend Date

2024-03-13

Company Information

national oilwell varco (nyse: nov) is a worldwide leader in the design, manufacture and sale of equipment and components used in oil and gas drilling and production operations, and the provision of oilfield services to the oil and gas industry. every day, thousands of the industry’s best minds put more than 150 years of experience to work to help our customers achieve lasting success. our partnership with our customers has led to the innovation of some of the highest quality products on the market. through our broad capabilities and vision, nov’s family of companies is positioned and ready to serve the needs of this challenging, evolving industry. nov has the technical expertise, advanced equipment and readily available support necessary for our customers’ success.

CEO: Clay Williams

Website:

HQ: 7909 Parkwood Circle Dr Houston, 77036-6565 Texas

Related News